Cerchio magico Nomi di potenza e acqua benedetta

 

Da tempi immemori, i ricercatori dell'occulto, hanno cercato sistemi di difesa dagli attacchi delle entità negative.

Il cerchio è la base di esse, poiché simboleggia “il tutto” esistente, un ambiente chiuso, che nessuno, nemmeno un dio può varcarne i limiti senza pagare un prezzo altissimo.

Il cerchio può essere disegnato, o tracciato, con farina, sale, gesso, o ricamato su stoffa, l'importante è che nulla ne interrompa i limiti tracciati, pena il decadimento dello stesso.

Attorno ad esso possono essere tracciati i “nomi di potenza”, nomi sacri appartenenti alla tradizione religiosa o filosofica del praticante, nomi di dio, di angeli.

L'acqua benedetta è sempre stata importante in tutta le tradizioni religiose di qualsiasi tradizione, occidentale o orientale, poiché sta a simboleggiare l'inconscio, il mare degli spiriti da cui veniamo tutti, che sommato al sale e benedetto, anche da un non sacerdote, purifica spiritualmente qualsiasi luogo o persona, con cui entri in contatto.