Taoismo legno fuoco terra metallo e acqua


Se l'interdipendenza tra gli elementi dell'Universo si esprime attraverso Yin e Yang, il Taoismo antico esprimeva la natura ciclica del mondo anche nei termini  dei Cinque Elementi: legno, fuoco, terra, metallo e acqua.

Secondo gli insegnamenti di Zou Yan (350-270 a.C. Circa) uno studioso della Cina settentrionale, il legno attizza il fuoco, dal quale la cenere ricade sulla terra, dalla cui profondità si estrae il metallo, sulla cui superficie si condensa la rugiada (acqua) che farà crescere il legno a completamento del ciclo.

Naturalmente ciò che viene creato viene anche distrutto, perciò nella teoria dei 5 elementi Taoista, esiste anche un ciclo distruttivo, che serve sia per porre sotto controllo un elemento che si trova in eccesso nel corpo di un paziente, sia per sapere come agire per distruggere una persona, colpendo punti collegati ai meridiani energetici, così da arrecare danni che possono andare dalla malattia, fino ad arrivare al decesso del soggetto.

In sostanza, così come prima abbiamo descritto per sommi capi come un elemento ne crea un altro e lo nutre, ora ogni elemento sottrarrà al suo antagonista il nutrimento di cui avrebbe bisogno per restare in salute, così da portare il corpo verso lo stato di malattia, come nella descrizione che segue: il fuoco distrugge il metallo, il metallo distrugge il legno, il legno distrugge la terra, la terra distrugge l'acqua, l'acqua distrugge il fuoco.

Naturalmente ogni elemento si serve di simboli archetipi per descrivere funzioni psicologiche e fisiche del funzionamento sia interno al corpo che della natura, non sono in pratica da prendere per corrette le parole date ma i principi che descrivono, ma facciamo un esempio: se io verso dell'acqua sul fuoco lo vado a spegnere, se uso un forte fuoco posso fondere il metallo, col metallo io taglio il legno (vedi la sega ma anche tutti gli arnesi dei falegnami), il legno per vivere e crescere deve disgregare la terra e scinderne gli elementi che la compongono per potersi nutrire, l'acqua viene distrutta dalla terra poiché la inghiotte per “nutrirsene”, e qui l'acqua ritorna a distruggere il fuoco, chiudendo il ciclo distruttivo.
Le cose non sono così semplici, naturalmente, ma per descrivere a chi non è avvezzo a questi termini, è necessario porre degli esempi comprensibili alla sua cultura di derivazione, perché noi occidentali facciamo fatica a seguire i simbolismi usati dal popolo orientale.