sognare ombelico e fianchiSOGNARE FIANCO OMBELICO E VISCERI

I fianchi, l'addome e le parti fino all'inguine vanno interpretati come corrispondenti alla forza del corpo e alle sostanze. Quindi se capita qualcosa a queste parti, ciò preannuncia una malattia del corpo e scarsità dei mezzi di sostentamento.

L'ombelico indica i genitori, se questi sono in vita, altrimenti la patria, dalla quale si trae origine e nascita, come dall'ombelico. Se dunque capita qualche guaio all'ombelico, significa che si verrà privati dei genitori o della patria, e a chi si trova all'estero è negato il ritorno.

Sognare di venire sezionati e di vedere che ogni parte interna del corpo è disposta in ordine e secondo natura è buon segno per un uomo senza figli e per un povero: il primo vedrà i propri figli, il secondo diventerà ricco. Infatti i figli sono detti 'visceri', come le parti interne degli uomini; e come le ricchezze sono contenute nella casa, così i visceri lo sono nei fianchi. A un ricco e a chi desidera rimanere nascosto questo sogno preannuncia scandalo e vergogna.

E' poi cattivo segno per tutti che i propri visceri siano visti da altri: ciò pronostica l'avvicinarsi di guai e di processi, e svela i segreti. Se uno sogna di venire sezionato e di trovarsi vuoto all'interno, perché i suoi visceri mancano del tutto, il sogno predice che la casa del soggetto rimarrà vuota e che i suoi figli moriranno, e a un ammalato esso è annuncio di morte.

Questo sogno può riuscire favorevole solo a chi si trova nei guai ed è afflitto: preannuncia infatti la cessazione dei mali che lo opprimono, poiché colui che perde la sede dei suoi affanni risulta logicamente liberato da ogni pena. Occorre tenere presente anche quanto segue: se chi fa il sogno è un uomo, il cuore indica sua moglie, se invece è una donna indica il marito, perché il cuore ha il governo di tutto il corpo.

Inoltre esso rappresenta il sentimento e lo spirito vitale, poiché ne costituisce la sede; e lo stesso significato hanno i polmoni. Il fegato rappresenta i figli, la vita e i pensieri; la bile il sentimento, gli averi e la moglie; la milza i piaceri, il riso e le suppellettili della casa; il ventre e gli intestini rappresentano in primo luogo i figli, poi i creditori, poiché a gran forza reclamano il nutrimento; i reni infine corrispondono ai fratelli, ai congiunti e ai figli.

Di conseguenza quando tutte queste parti del corpo rimangono al loro posto, indicano che pure ciò che esse simboleggiano resterà come si trova; quando invece si raddoppiano tutte o ciascuna singolarmente, rivelano che anche le cose a esse corrispondenti si raddoppieranno.