capanna sudatoria lakota moderna

capanna sudatoria moderna

Nel rituale dell'initipi (da ini "per mezzo del respiro" e tepee "abitazione") ci si purificava sia fisicamente che spiritualmente mediante l'uso di una specie di sauna che doveva simboleggiare il percorso del feto nel ventre materno durante la gestazione in cui il corpo siformava per poi entrare nella realtà della vita col parto. Il rituale veniva guidato da uno sciamano per un massimo di sei o cinque persone, i due sessi non dovevano partecipare nella stessa capanna sudatoria e non solo per questioni etiche ma anche di tradizone poiché le donne e gli uomini non hanno la stessa energia, cosa che non capiscono i cosiddetti "sciamani di plastica" come viene riportato da diversi rappresentanti sciamani indiani americani che si limitano invece a scimmiottare la tradizione dei nativi. La capanna sudatoria è costruita come segue: sedici alberelli di salice, circa un pollice di diametro, alla base vengono pelati e piantati nel terreno in modo da descrivere un cerchio di circa 6-8 metri di diametro. I pali così ottenuti sono poi piegati e legati con cinghie di cuoio crudo per formare una struttura a semisfera che al centro misura circa quattro metri da terra nella parte più centrale della struttura, l'ingresso è posto a est. La terra al centro della costruzione viene scavata leggermente lasciando un buco di circa due metri di diametro e un metro circa di profondità in cui le pietre calde verranno posizionate durante il rituale.

capanna sudatoria inipi

capanna sudatoria nativi americani

 

struttura aperta capanna sudatoria

La terra rimossa dal centro della capanna sudatoria viene utilizzata per formare un percorso sacro di circa otto passi dall'ingresso che corre da est e ovest mentre nella parte orientale, la terra rimanente viene modellata in un tumulo chiamato unci, "nonna". Due passi a est della collina, il terreno viene eliminato per il camino, questa porzione è chiamata peta oihankešni "fuoco senza fine". Il camino della struttura è fatto mettendo quattro bastoni che vanno da est a ovest , su di loro altri quattro bastoni che vanno da nord a sud. Quattro pietre vengono messe nelle quattro direzioni, poi le rocce rimanenti vengono ammucchiate sul legno. Un uomo fa l'offerta del fuoco accendendolo e mantenendolo per tutto il rito, mentre la cerimonia ha inizio, si passa tra le rocce, attraverso l'ingresso per mezzo di due palette di legno (un forcone di solito è usato oggi). Quando il rituale sta per iniziare, gli alberelli sono coperti di vesti di bufalo e pelli di altri (coperte e teloni al giorno d'oggi) disposte in modo che anche aprendo l'entrata per portare dentro altre rocce calde la luce non possa entrare. Per iniziare il rituale, lo sciamano porta la pipa e il tabacco nella capanna, entra seguendo il movimento del sole (in senso orario) e si trova sul lato ovest di fronte all'ingresso. Egli pone quattro pizzichi di tabacco intorno al foro e poi riempie il tubo. Il leader brucia poi wacanga, foglie di lemongrass spingendo il fumo sul suo corpo ed il tubo, purificando tutto nella capanna. Dopo che il tubo è stato riempito, lascia il lodge in una direzione oraria e cammina lungo il sentiero sacro al tumulo di terra, dove si appoggia il tubo in modo che il boccaglio guardi a oriente. Il leader e i partecipanti quindi rimuovono tutti i loro vestiti. Il capo entra nella prima parte della capanna, spostando la porta fino a raggiungendo il posto accanto alla porta. Se ha un assistente, entrerà ultimo e prenderà posto sul lato opposto all'entrata.

capanna sudatoria nativi indiani americani

apertura capanna sudatoria

Quando tutti saranno seduti, il leader chiede le pietre riscaldate quattro pietre verranno collocate nella parte inferiore del foro in modo che indichino le quattro direzioni. Due pietre sono poi fatte ricadere su queste rappresentando il sopra e sotto. Infine, una pietra è prevista per rappresentare l'aquila macchiata. Dopo che le sette pietre sono state onorate, l'offerta del fuoco fa entrare le pietre rimanenti, ben 30 in tutto. Il leader chiama quindi per un secchio d'acqua con mestolo, che vengono consegnati da lui da chi segue il fuoco. A chi offre al fuoco viene dato il comando "Yuĥpa yo!" (È vicino!), e la capanna viene sigillata. Una volta che la porta è chiusa, il leader spruzza il mestolo d'acqua sulle pietre calde quattro volte, pregando nelle quattro direzioni. Preghiere e canti vendono intonati per attirare gli spiriti degli avi e delle deità. Gli uomini sudano schiaffeggiandosi il corpo: quando gli spiriti entrano, le intenzioni dei partecipanti al rito vengono resi noti attraverso la mediazione dello sciamano. Ogni volta che viene spruzzata acqua sulle pietre gli uomini gridano "Ho! Tunkašila!" (Nonno Ho!!) e ogni volta che si termina una preghiera, gli uomini gridano, "Hau!". Nel corso del rituale, la porta è aperta quattro volte. Spesso il tessuto della capanna viene arrotolata sul lato ovest anche per consentire all'aria di passare nella capanna portando un pò di refrigerio. Ogni volta che si apre la porta il mestolo d'acqua viene fatto passare tra tutti i partecipanti, che ne bevono una parte versandone anche un pò sulle loro teste. Dopo aver fatto questo dicono, "Mitak oyas'in". La quarta volta che viene aperto il lodge, i partecipanti lasciano la loggia secondo una direzione oraria.