Significato delle Rune NAUDHIZ

NAUDHIZ significato delle rune

Nome: Naudhiz, Nauths, Nyd, Naudh.

Suono: n

Senso Simbolico: il fuoco vitale, il fuoco di necessità,il destino, il sollievo dallo sconforto, costrizione.

Naudhiz è ancora una runa di fuoco, ma è assai diversa dalle altre due rune ignee principali, Kenaz e Sowilo, infatti, mentre la prima è la luce, il fuoco domato che fa avanzare, e Sowilo è il fuoco naturale, spesso devastante, Naudhiz è il fuoco che fa sopravvivere che impedisce di cadere. Il fuoco di necessità è quello che nel Medioevo veniva alimentato costi quel che costi quando le città erano in quarantena.

Essa è il fuoco della vita, fra due rune di ghiaccio: Hagalaz, la grandine, e Isa, il Ghiaccio propriamente detto. Naudhiz, rappresenta il destino individuale e collettivo degli esseri viventi;i termini di necessità e costrizione non devono essere considerati come qualcosa di opprimente, è una necessità assoluta, quello che non può non essere, ciò corrisponde alle leggi del multiverso, che reggono noi e provengono dal passato. I termini Orlog e Wyrd, che si traducono con “destino”, presso i popoli del Nord non comportano una nozione fatalista e disperata – contrariamente alla cultura cristiana – i due termini in realtà significano “fondamento originario”, cioè base, radice. Dopo la runa germe, la runa madre Hagalaz, Naudhiz è la runa dello sviluppo di ciò che era in  germe, di ciò che era  engrammato – secondo alcuni studiosi, l'engramma, è una traccia mnestica localizzata nel tessuto nervoso – quella necessità imperiosa, ma contemplandola e avendone coscienza ci si affranca da essa, non bisogna far finta di non vedere e fuggire a ciò che si deve vivere, ma piuttosto esaminarlo e trarne le conclusioni necessarie per lavorare efficacemente su di sé.

Quella necessità è legata all'inconscio, poiché alcuni atti, reazioni ed eventi sono provocati da ciò che serbiamo nel più profondo di noi stessi; facendolo emergere ce ne liberiamo e allora possiamo iniziare un'autentica ascensione spirituale: il disegno rappresenta due rami che servono per accendere il fuoco, si tratta della scintilla che risveglia, del fuoco vitale. Naudhiz aiuta a neutralizzare ciò che ci attacca, segnatamente a livello magico, sbarrando la strada alle aggressioni oppure opponendo una forza di resistenza.

Se Hagalaz rappresenta la morte, Nauthiz è caratterizzata dal dolore negato, non permesso, non espresso, è l'angoscia, lo smarrimento di fronte al vuoto, al non senso della propria esistenza, rappresenta le forze che irrompono e distruggono ogni schema, la ribellione alla morte, alla propria o altrui fine.
Nauthiz è afflizione e pena solo se fuggo dal dolore della morte, se vivo il lutto fino in fondo la sofferenza della perdita, la pena poco alla volta svanirà e progressivamente mi sentirò rinascere a nuova vita.

Se non mi permetto la paura e il dolore della morte non potrò gioire pienamente della vita.
I nove mondi esistono contemporaneamente formano un unica realtà variegata, c'è Asgard, la dimora degli Dei e c'è Hel (da qui è nato il nome inferno inglese), il regno dei morti, c'è il regno degli elfi luminosi e quello degli elfi oscuri, ancora una volta sta a noi scegliere in quale mondo vivere.