2° CHAKRA-L'ACQUA-RESPIRAZIONE QUADRATA

 

Respira con la respirazione quadrata:

  • Inala dal naso riempendoti completamente dal basso all'alto (riempi sempre prima l'area addominale e poi quella toracica).
  • Trattieni il respiro a polmoni quasi del tutto pieni.
  • Esala dal naso profondamente (svuota sempre prima l'area toracica e poi quella addominale).
  • Trattieni il respiro a polmoni vuoti.
  • I quattro atti respiratori: inalazione, ritenzione interna, esalazione, ritenzione esterna, devono avere la stessa durata. Cerca di tenere un ritmo di respiro tale da non provare alcun senso di fatica , se senti che stai forzando  per trattenere il respiro accorcia i tempi.

Continuando ininterrottamente la respirazione quadrata:

  • Porta l'attenzione al secondo chakra, il chakra pelvico o Svadhishthana chakra, questo centro si trova nell'area degli organi sessuali e il suo colore è l'arancione.
  • Visualizza una luce arancione nella zona pre-indicata e respira attraverso questa zona come se l'aria entrasse e uscisse attraverso la luce arancione, perforando il secondo chakra.
  • Ad ogni inalazione senti che come si aprisse un rubinetto, una cascata d'acqua invade il tuo corpo e ad ogni esalazione senti l'acqua defluire dal tuo essere per ritornare nel cosmo.
  • Medita sulla tua unione con l'acqua: Medita sullo spirito libero, selvaggio, puro  dell'acqua, lo stesso bisogno di libertà e di purezza  che è proprio dell'acqua è presente nel tuo chakra, il centro dell'energia sessuale.

In questo chakra la censura, la condanna, la repressione della mente è assai pesante, quindi necessita di lavare via i sensi di colpa, ha bisogno di sentirsi puro, libero, vitale.
L'acqua è uno degli elementi che ti compongono, tu sei fatto di acqua, non puoi guarire te stesso senza guarire l'acqua e tutti gli spiriti della natura che vi appartengono.

  • Senti che attraverso la tua respirazione e la tua disposizione interiore, stai purificando e liberando l'elemento acqua in te e nella natura.

Medita per circa dieci minuti consecutivi.